#Ceccano – Cronache del #mistero, ecco la IV edizione del #premio nazionale

L’appuntamento è per sabato 9 dicembre, dalle 9 alle 17 al Castello dei Conti di Ceccano (Frosinone), dove si terrà la IV edizione del Premio Nazionale Cronache del Mistero, che anche quest’anno sarà  condotto dallo scrittore e ricercatore storico Giancarlo Pavat. L’evento è organizzato dallo staff de “IlPuntosulMistero”, “Promedia” e “Perlawebtv”, con partners dell’evento le riviste nazionali leader del Mistero, Fenix ed Hera di Adriano Forgione, nonché le associazioni culturali “Spina nel Fianco” di Ceccano e “ViviCiociaria” guidata da Alex Vigliani. L’ingresso è libero.

I premiati – Teodoro BRESCIA, docente all’Università di Bari. Ha realizzato uno straordinario studio sulle Costellazioni scolpite sul Sarcofago paleocristiano conservato a Boville Ernica (FR);
Franco MANFREDI di Piacenza, ispirato dagli articoli pubblicati sul sito www.ilpuntosulmistero.it  relativi alle scoperte di Marisa D’Annibale sull’Esadattilia a Ceccano, ha svolto diverse ricerche effettuando a sua volta,  notevoli scoperte su casi analoghi in Trentino e nella Pianura padana. Inoltre ha scritto il libro “Lo strano caso delle sei dita” che presenterà durante l’evento di sabato 9 dicembre.
Giuseppe CUDIA, siciliano di Marsala, esperto esploratore e archeologo subacqueo ha scoperto una nave romana o cartaginese (non è ancora chiaro) naufragata nella laguna di Mozia.  Scoperta che ha suscitato enorme clamore  (soprattutto all’estero) perché sono rarissime le navi dell’epoca delle guerre puniche ritrovate sott’acqua.
Nicola TOSI dell’Osservatorio dell’Appennino piacentino, che da anni studia come metodi scientifici le Earthlight.  Merita una visita il sito internet PROJECT UAP per capire di quale sconvolgente realtà si tratta.

Il professor Daniele GULLÀ di Bologna, scienziato,  ricercatore, collaboratore con la Polizia scientifica e i RIS. Personaggio televisivo per aver partecipato a programmi delle reti nazionali come Voyager, Mistero, sarà a Ceccano non solo per ricevere il premio, ma anche per svolgere alcune ricerche con strumentazioni infrarossi e termocamere.

Presenza  importante dal punto di vista del livello culturale quella dell’archeologo Generoso URCIOLI del Museo d’Arte Orientale di Torino, che al Premio Nazionale Cronache del Mistero parlerà di ricette dell’epoca delle Crociate e dei Templari.