Latina – Disoccupazione, dati allarmanti. E il reddito di cittadinanza non basta

Dramma sociale. Disoccupazione giovanile al 35%, difficoltà di accesso al mercato del lavoro e sempre più persone che, in risposta alla crisi, perdono qualsiasi tipo di fiducia verso l’istruzione e la formazione. Sono alcuni dei dati emersi recentemente in provincia di Latina e diffusi da agenzie di ricerca. Il lavoro è un tema prioritario ma non sembra interessare la indifferente classe politica e amministrativa pontina, totalmente assente in un settore vitale e di fondamentale importanza.

Latina è da tempo la maglia nera alla parola disoccupazione con fabbriche che chiudono e poche prospettive per il domani. Il turismo non decolla come potrebbe, non vengono sfruttate le enormi possibilità di posti meravigliosi tra i più belli in Europa.

La crisi si fa sentire duramente per la fascia d’età compresa tra i 25 e i 34 anni, dove il numero di occupati è sceso. Uno degli effetti più preoccupanti del momento è la reazione dei giovani che non lavorano, non studiano e non svolgono attività di formazione. I dati sono allarmanti e segnalano che l’emergenza è senza fine. Si deve fare di più ma la svolta deve partire anche da decisioni assunte a livello nazionale.

Mancano misure concrete per porre fine a quest’emergenza e anche il segnale lanciato con il reddito di cittadinanza non basta. E’ fondamentale utilizzare bene i fondi europei, sono l’unica risorsa per investimenti, concedere le terre inutilizzate a giovani agricoltori, le case sfitte ai senza casa, puntare sulla crescita mettendo da parte miseria e ingiustizia. I bisogni di chi soffre, dei deboli e degli oppressi vanno messi al primo posto ma il futuro si presenta sempre più nero.

Paolo Iannuccelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*