Latina, Zuliani (PD): "Commissioni in streaming, in nome della Trasparenza"

Che anche le commissioni permanenti siano trasmesse in diretta streaming, esattamente come viene fatto per le sedute del consiglio comunale e del question time. E’ la richiesta inviata con una nota al sindaco Damiano Coletta, all’assessore alla Trasparenza Paola Briganti ed al presidente del consuglio comunale Massimiliano Colazingari, da Nicoletta Zuliani (PD), presidente della commissione Trasparenza del Comune di Latina.

Nicoletta Zuliani (PD)

“L’ultima commissione Ambiente – ha spiegato la dem – mi ha sollecitato a fare un po’ di pressione rispetto al tema streaming delle sedute delle commissioni: per quale motivo i cittadini che non possono recarsi personalmente in Comune non possono seguire argomenti di tale rilevanza e di tale interesse? Così come ritengo fondamentale, e l’ho espresso nuovamente con un mio intervento oggi in commissione Affari istituzionali, che venga posizionato nella home page del sito del Comune di Latina il calendario delle commissioni e dei punti che vengono discussi all’ordine del giorno: non è possibile andare alla ricerca delle convocazioni delle commissioni sull’albo pretorio tra delibere, avvisi, determine ed altri atti. Siamo ormai ad un anno dall’insediamento dell’amministrazione Coletta e la cosa più elementare per permettere ai cittadini di partecipare e di rendere il percorso decisionale trasparente è un sito un po’ più accessibile almeno nelle sue parti indispensabili che io ritengo siano le commissioni”.

Zuliani fa anche un riferimento all’incidente diplomatico che si era venuto a creare tra l’ex presidente del consiglio comunale, allora in carica, Olivier Tassi (al quale aveva poi rimediato l’attuale presidente Colazingari, in qualità di vice presidente del consiglio dell’epoca e di presidente della commissione Affari istituzionali) e la stampa locale. “Si cercava di capire se la trasmissione dei video delle commissioni fosse nel rispetto della privacy o meno, ma è passato fin troppo tempo. Con la mia nota spero di aver chiarito alcuni punti e di aver portato una giusta sollecitazione nella direzione di una maggiore fruibilità della cosa pubblica. Ad oggi, inoltre, non risultano reperibili nella sezione che è a loro dedicata le ultime due sedute del consiglio comunale: ritengo che le trascrizioni siano infatti determinanti, non solo per quanto gli assessori dichiarano, ma anche per quanto i consiglieri in rappresentanza dei propri elettori portano all’attenzione del consiglio comunale. Il servizio streaming dei consigli comunali peraltro risulta poco accurato e numerose lamentele ci pervengono durante il consiglio per la difficoltà di seguire in streaming la seduta. Questa dovrebbe essere la soglia minima, il prerequisito per iniziare a parlare di trasparenza”.

Proprio su richiesta del Partito Democratico, nella scorsa consiliatura (quando il sindaco era Giovanni Di Giorgi) era stata istituita la diretta streaming del consiglio comunale. L’idea era stata dell’allora presidente della commissione Trasparenza, Omar Sarubbo, ed avallata da tutto il gruppo consiliare e votata poi in Consiglio.

S.B.