Torna “Lazio in Tour”: trasporti gratis per i giovani con Trenitalia e Cotral

Parte la seconda edizione di “Lazio in tour gratis 16-18”. Dopo il successo della prima edizione che ha visto partecipare oltre 26mila giovani, riparte il progetto realizzato con Trenitalia e Cotral che, attraverso un’App dedicata, consentirà ai possessori della LAZIO YOUth CARD (con età compresa tra i 16 e i 18 anni compiuti) di viaggiare per un mese gratis in tutta la regione.

“Anche quest’anno – il Governatore del Lazio Nicola Zingaretti – la Regione offre la possibilità ai giovani di viaggiare gratis su tutto il territorio. Incontrarsi, confrontarsi, condividere esperienze e divertirsi insieme è fondamentale per costruire una comunità unita. La mobilità semplice e gratuita è un modo di costruire un luogo dove le persone dialogano, discutono e producono nuove idee. Questo è fondamentale per la crescita partecipata, democratica e responsabile delle nuove generazioni”.

LAZIO in TOUR 2019 è la seconda edizione dell’iniziativa della Regione Lazio che permette di viaggiare gratuitamente per 30 giorni di tempo tra il 1 luglio 2019 e il 15 settembre 2019 su tutti gli autobus Cotral e i treni regionali del Lazio di Trenitalia. Un’esperienza straordinaria per conoscere il territorio regionale: Roma, Frosinone, Latina, Rieti, Viterbo e tutti gli altri 373 piccoli e medi Comuni. Trenta giorni di tempo, 720 ore di tour a completa disposizione dei piu’ giovani per andare ovunque. Sarà la Regione Lazio ad assicurare a Trenitalia e Cotral la compensazione economica dei mancati introiti.

Per trenta giorni, i giovani possessori di LAZIO YOUth CARD a partire dall’attivazione dell’App “Laziointour”, sviluppata da Laziocrea, potranno organizzare il proprio viaggio su tutti i servizi ferroviari regionali gestiti da Trenitalia (escluso collegamenti Leonardo Express) e sui bus Cotral (escluse le linee Atac, la metro di Roma e la ferrovia Roma-Lido) alla scoperta di tutte le province del Lazio, dalle località balneari a quelle di montagna, dai siti archeologici ai piccoli borghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*