8 Maggio 1994: La più grande migrazione del basket pontino

Il 93-’94 viene ricordato come l’anno d’oro della VIRTUS RIP INOX quello della promozione in B2. Da Trapani tornarono due ragazzi del vivaio pontino che erano stati ceduti alla società siciliana: Mascetti e Polselli, mentre Sist rimase a Reggio Calabria. La ciliegina sulla torta fu messa dai copresidenti Rodolfo Salomone e Gigi Stefanelli ingaggiando – a novembre – Alessandro Gatto, il giocatore che poteva fare la differenza. Gatto aveva giocato nell’Ancona, Grosseto, Stefanel Trieste con “Boscia” Tanjevic in serie A2, Campobasso. La prima classificata accedeva direttamente alla serie superiore ed il primato fu del Palestrina, allenato da Maurizio Tomassi.

La RIP INOX si classificò al secondo posto e disputò uno spareggio con il San Marino per accedere alla serie cadetta. A Perugia – 8 maggio 1994 – la squadra di Provinzano, al PalaEvangelisti, davanti a 800 tifosi pontini che facevano un tifo assordante “schiantò” i malcapitati rappresentanti della Repubblica del Titano 85-61. In campo: Sparagna, Ceretta, Zaccheo, Gatto, Berton, Fantasia, Polselli, Pontecorvo, Mascetti, Tommasini. A Latina fu festa grande con cortei di macchine come 18 anni prima, quando lo stesso risultato fu raggiunto dall’A.B. Latina.

A Perugia il campo fu invaso festosamente da bandieroni nerazzurri, anche i tifosi del calcio si unirono alla gioia di quelli del basket. La commozione era generale, un momento davvero toccante con fiume di champagne e lacrime. Il mese seguente giocatori, tecnici e dirigenti lo passarono davanti a tavole imbandite, ristoratori e famiglie sportive di Latina facevano a gara per poter avere come ospiti la squadra che aveva compiuto un vero e proprio miracolo.

Come premio per la promozione i giocatori andarono tutti in vacanza a Santo Domingo, organizzata dal co-presidente Gigi Stefanelli. Appena arrivati in serie B si pensò a rafforzare la squadra e soprattutto la società, con l’ingresso di muovi soci che aderirono molto volentieri alle iniziative di Salomone che ha sempre avuto doti e carisma per mettere insieme persone più disparate. Al presidente è sempre piaciuto organizzare feste. Ha cominciato con le rituali “porchettate” all’interno della sua azienda, poi è passato alle meravigliose feste al Ritrovo di Borgo Carso, con più di 600 persone scatenate nulla pista da ballo.

Nel settembre ’94 la Virtus Latina ha organizzato il Memorial Emiliano Dupré e Alessandro Tari in memoria di due cestisti prematuramente scomparsi in incidenti stradali. La manifestazione, riservata alla categoria Cadetti nazionali, ha visto la partecipazione di Reggio Calabria, Serapo Gaeta, Rip Inox Latina, Basket Roma campione d’Italia uscente di categoria. Netto il successo dei capitolini nella finalissima con i reggini, terza la Rip davanti al Serapo. Come iniziativa collaterale al Memorial la Virtus ha varato un torneo di minibasket, su tre campi distinti, con la partecipazione di ben nove squadre e 120 cestisti in erba.

Paolo Iannuccelli